Martin Weber
Martín Weber (regista, produttore e arista multimediale, nato nel 1968) ha studiato all’Università di Buenos Aires e ha vinto una borsa di studio del International Center of Photography di New York (1992/93). In Argentina ha ricevuto il Gran Premio del Salon Nacional of Installations and Alternative Media (2016), il Guggenheim Foundation Grant (1998), Prince Claus (2004), Silver Eye Award (2008), No Strings Foundation (2005), Hasselblad (2001/1999), il Premio della Fundación Klemm (1999), Fondo Nacional de las Artes (2016/2014/1996). È stato un artist-in-residence al MAC e D21 (Santiago, Cile / 2014), CPW (Woodstock / 2004), Light Work (Syracuse / 2002), IASPIS (Stoccolma /1998).

“Map of Latin American Dreams", il suo primo lungometraggio presto in uscita, ha avuto il sostegno di Eficine/Messico e di Sørfond/Norvegia (2016), dichiarato di interesse culturale dalla città di Buenos Aires e dal Patronage Program (2017/15/14), ha ottenuto il Pitching Market Award/Guanajuato International Film Festival; invitato al Pitching Forum Sørfond, il Cinescope Award al FLICC/Città del Messico (2014), e ha ricevuto il sostegno di INCAA/Argentina (2013) e di Doc Buenos Aires (2010).

Il suo lavoro è stato presente in molte esposizioni: Getty Museum, Los Angeles (2017) Palais de Glase, Buenos Aires (2016), Museo di Arte Contemporanea e Galleria Tajamar e Gallerie temporanee, Santiago del Cile (2014); CDF Montevideo Fotograma-13 (2013); Festival di Cortona, Italia (2014); intervento di facade, Buenos Aires (2013); Museo Nacional de Bellas Artes, Buenos Aires (2012/1996); Rurh Benzacar, Buenos Aires (2011/2002); The Project Gallery, Los Angeles (2004) e New York (2002/2000), The Photographer's Gallery, Londra (2003); Robert Menshel Gallery, Light Work, Syracuse, New York (2003); PHotoEspaña, Madrid (2001); Baltic Center for Contemporary Art Gatehead & Side Gallery, Newcastle, UK; Le Mois de la Photo Maison de L'Amerique Latine, Parigi, (2000); The International Center of Photography, New York (1999); Kwangju City Art Museum, Corea (1999); Museum of Fine Arts Houston, Texas (1997); Bienal de la Habana (1996); The Istanbul Art Biennial (1997), TGSM Buenos Aires, e Communa di Milano (1996).

Il suo primo libro “Echoes from the Interior” pubblicato da Ediciones Larivière (2011) è stato menzionato in Paris Photo tra i 100 migliori fotolibri pubblicati tra il 1997 e il 2011. E “Map of latin American Dreams” è stato co-pubblicato da RM (2018).
Fulvio Merlak, Colori, 1984

catalogo

biblioteca

Fox Talbot, The Reading Establishment, 1846

catalogo

fototeca