archivio mostre
Francesco Comello - L'Isola della Salvezza
9 ottobre - 15 novembre 2020
Palazzo Ricchieri, Museo Civico d'Arte - Pordenone
orari d'apertura: dal venerdì alla domenica 15-19
Ingresso gratuito

A CAUSA DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DEL DPCM, LA MOSTRA È ATTUALMENTE CHIUSA AL PUBBLICO.


Misure anti-covid: per accedere alla mostra prenotare al numero 0434-392935 (dal martedì al giovedì ore 9:00-12:00 e dal venerdì alla domenica 15:00-18:30) o suonare il campanello all'ingresso alla voce "Portineria". è obbligatorio indossare la mascherina
Francesco Comello - L'Isola della Salvezza
Dal 9 ottobre al 15 novembre 2020 al Museo Civico d’Arte a Palazzo Ricchieri la seconda mostra fotografica della 34ma rassegna Friuli Venezia Giulia Fotografia

A Pordenone si inaugura “L’Isola della salvezza”, pluripremiato progetto del fotografo Francesco Comello

Trenta immagini in bianco e nero raccontano l’anima di una comunità spirituale, educativa e culturale unica, sorta negli anni Novanta in Russia e oggi rifugio per oltre 300 ragazzi. L’autore verrà insignito del Premio Friuli Venezia Giulia Fotografia per un autore regionale


Spilimbergo – Pordenone, 15 settembre 2020 – Prende il via venerdì 9 ottobre 2020 a Pordenone il secondo tempo di #CHANGE, la 34ma edizione della rassegna Friuli Venezia Giulia Fotografia organizzata dal CRAF di Spilimbergo in collaborazione con la Regione Autonoma FVG, il Comune di Pordenone, con il sostegno della Fondazione Friuli e con il patrocinio dell’Università degli Studi di Udine. Al Museo civico d’Arte a Palazzo Ricchieri di Pordenone sarà infatti presentata “L’Isola della salvezza”, pluripremiato progetto del fotografo friulano Francesco Comello.

La mostra, 30 opere in bianco e nero, occuperà il piano terra del palazzo nel cuore del centro storico di Pordenone per raccontare l’anima di una comunità spirituale russa nascosta e silenziosa, l’Isola della Salvezza come viene appunto chiamata dagli abitanti del luogo. “Quando ci passi vicino, sulla trafficata strada che da Mosca porta a Yaroslav, quasi non ti accorgi della sua esistenza, eppure è un centro spirituale, educativo e culturale unico in tutta la Russia – spiega Francesco Comello -. Fondata nei primi anni ‘90 da un prete ortodosso, doveva essere inizialmente una confraternita di poche persone, riunite per vivere insieme secondo i principi del vangelo e dei santi padri. Con il tempo è diventata una comunità che oggi accoglie 300 ragazzi, molti dei quali con problemi familiari”. Niente Tv, internet, cellulari e niente denaro, considerati mali della società. Si zappa la terra, si studia, si balla. Si forgia l’anima e si allena il corpo. I valori supremi sono Dio e la patria. “Potremmo considerarla un’utopia educativa fuori dal mondo – aggiunge - dove l’impegno di tutti per un cambiamento individuale e per una crescita armoniosa mantiene viva la speranza”.

Il progetto di Francesco Comello ha vinto nel 2017 il terzo premio al World Press Photo nella categoria Vita Quotidiana e Storie: “È un grande onore per noi esporre una cosi preziosa selezione di fotografie – commenta l’Assessore alla Cultura di Pordenone Pietro Tropeano –. Il nostro Comune è socio del CRAF e da molti anni partecipa alla rassegna e alle attività del Centro, polo di riferimento per la fotografia e per i fotografi della regione”.

Il CRAF ha scelto questa narrazione fotografica per testimoniare il “cambiamento”, come fil rouge e trait d’union del trittico di mostre che compongono il programma della 34ma rassegna Friuli Venezia Giulia Fotografia. “Siamo partiti dal cambiamento climatico e dalle sue ripercussioni sulla sopravvivenza dell’uomo con Alessandro Grassani – commenta il direttore del CRAF Alvise Rampini - passando attraverso le opportunità che offre una comunità educativa russa raccontata da Francesco Comello, e concluderemo l’edizione a febbraio con il fotografo francese Yann Arthus-Bertrand che propone il suo progetto Home, dedicato alla metamorfosi del nostro pianeta”. Al centro di questo format c’è l’uomo, vittima delle sue azioni nei confronti di una natura ferita che implora un deciso cambiamento.

Le fotografie di Francesco Comello parlano, tra luci e ombre, della vita comunitaria con lirismo struggente e rivelano al pubblico l’esistenza di una società possibile e diversa da quella che viviamo, generatrice di conflitti, disparità e disuguaglianze: “In questo suo mondo senza tempo – afferma - impariamo a riappropriarci del tempo e del senso più profondo della vita”.

All’autore verrà conferito il premio Friuli Venezia Giulia Fotografia per un autore regionale. La cerimonia di consegna, nel rispetto delle restrizioni per l’emergenza sanitaria, si terrà all’interno di Palazzo Ricchieri con autorità e stampa, mentre sull’account facebook del CRAF si potrà partecipare “virtualmente” alla diretta: “La situazione che stiamo vivendo ci costringe a fare delle scelte drastiche per tutelare il pubblico – afferma il presidente del CRAF Enrico Sarcinelli – l’occasione però è molto importante e l’albo d’oro si arricchisce di un talento regionale cui auguriamo un lungo e luminoso percorso professionale”.

La mostra sarà aperta al pubblico dal 9 ottobre al 15 novembre ogni venerdì, sabato e domenica dalle 15 alle 19. L’ingresso è gratuito e sarà regolamentato dal personale di custodia (è possibile anche effettuare una prenotazione per la visita al numero 0434-392933). Per accedere ai locali è obbligatorio l’uso della mascherina.

FRANCESCO COMELLO
L’ISOLA DELLA SALVEZZA
Pordenone, Museo d’Arte Contemporanea
9 ottobre – 15 novembre 2020
ORARI DI APERTURA: venerdi, sabato e domenica 15.00-19.00
Per info: segreteria@craf-fvg.it; organizzazione@craf-fvg.it Tel. 0427-91453

Ufficio Stampa
Maria Santoro
Francesca Ferro - cell. 335 5636359 - press@craf-fvg.it
Francesco Comello - L'Isola della Salvezza
Francesco Comello - L'Isola della Salvezza
Francesco Comello - L'Isola della Salvezza
Francesco Comello - L'Isola della Salvezza
Francesco Comello - L'Isola della Salvezza
Francesco Comello - L'Isola della Salvezza
Fulvio Merlak, Colori, 1984

catalogo

biblioteca

Fox Talbot, The Reading Establishment, 1846

catalogo

fototeca